Post

Conte e il futuro del Movimento 5 Stelle

Immagine
Il discorso di Giuseppe Conte ha ufficialmente aperto una nuova era e nuovi scenari per il Movimento 5 Stelle. I pentastellati dal 2013 a oggi, a distanza di 8 anni, hanno attraversato delle fasi delicate e decisive. Queste fasi hanno trasformato il Movimento delle origini in Movimento di governo. I 5 Stelle hanno perso enormi consensi nell'esperienza con Salvini, pur ottenendo molto in termini di provvedimenti. Poi la crisi del Papeete e la nuova avventura con il centrosinistra. Da allora il Movimento ha cristallizzato il consenso, che però, complice il ritorno di Conte, oggi é tornato a salire. A Conte toccherà riorganizzare un Movimento che sui territori ha bisogno di una struttura, una richiesta che viene dai territori e che Conte deve provare a esaudire in poche settimane. Attivare la base e creare una struttura locale di divulgazione dei temi (vecchi e nuovi), che permetteranno al Movimento di ergersi come forza verde, ambientalista e dell'area progressista. Un partito sn

Ancora problemi per Astrazeneca

Immagine
 Non c'è pace per il vaccino prodotto da Astrazeneca. Nelle ultime ore sono arrivate una serie di comunicazioni dalla Germania, che in merito ad alcuni gravi eventi avversi, ha approfondito la questione. Gli eventi avversi si sono verificati in soggetti dai 20 ai 63 anni, dopo circa 7-10 giorni dall'inoculo di Astrazeneca.  Trombocitopenia e trombosi cerebrali sono gli effetti avversi gravi. Non si esclude un nesso causale, ma ancora non ci sono prove per dimostrarlo. Alla base di questi eventi avversi ci sarebbe un problema serio di coagulazione, un effetto indotto in alcuni soggetti giovani, prevalentemente donne. Proprio per questo molti sono convinti che sia meglio somministrare negli over 65 il siero di Astrazeneca,  perché dai dati tedeschi, si vede che nei soggetti giovani si riscontra una potente risposta immunitaria. Donne giovani colpite da eventi avversi. Qualcosa di anomalo in età compresa tra 30 e 45 anni. In Italia il dibattito è acceso, aperto. Personalmente cred

Astrazeneca e paura dei vaccini, alcune considerazioni

Immagine
Sono ore convulse queste, perchè tra  poco conosceremo il giudizio di Ema sul vaccino Astrazeneca, che da qualche giorno ha subito uno stop importante in tutta Europa. Secondo le ultime notizie, ci sará sicuramente un giudizio positivo, quindi si riprenderá a vaccinare con Astrazeneca. Con quali numeri é tutto da scoprire, perché alcune morti, alcuni eventi avversi, hanno profondamente inciso nelle menti, lasciando il segno e tanta paura. Il vaccino anglo-svedese é il vaccino su cui ha puntato l'Inghilterra, che é il Paese che di più l'ha usato in questi mesi, applicando una strategia precisa: maggior numero di prime dosi a più gente possibile, poi seconda dose entro 4 o 12 settimane dalla prima. In Inghilterra si continua, in Europa Astrazeneca ha avuto qualche problema di troppo, e anche io, che sono a conoscenza di alcuni eventi avversi post vaccino, non ho elementi tali da poter dare con assoluta certezza una valutazione finale. Resto in attesa di dati migliori per dare un

Misure restrittive o il Covid ci terrà compagnia per almeno un altro anno

Immagine
Il Covid-19 mette a dura prova la salute mentale degli italiani, ma soprattutto l'economia mondiale. È evidente che eventuali restrizioni impatteranno negativamente sugli scenari economici. Ieri ci sono stati 20 mila casi, con un leggero aumento (ormai costante), dei ricoveri in terapia intensiva. Ci sono molte Regioni che si trovano a dover combattere le varianti, ragion per cui, la comunità scientifica, attraverso il Cts, chiede misure di restrizione maggiori. Gli esperti fanno notare che le zone rosse funzionano, ma che le altre misure permettono al massimo di mantenere stabili i contagi. Intervenendo a La7, nel programma "Di Martedì ", Ilaria Capua ha dichiarato che il Covid-19 si può sconfiggere solo con misure serie e forti. La circolazione del virus è favorita dai contatti,  dalle interazioni, per cui è necessario andare a chiudere una serie di attività che purtroppo favoriscono la socialità,  specie nel week end. È chiaro che di fronte a un aumento dei casi, aumen

La Lega di lotta e di Governo. Salvini l'equilibrista

Immagine
Una Lega di lotta e di governo, questo è quanto si osserva da giorni in tv. Mentre nei Consigli dei Ministri la Lega vota e approva le chiusure, le restrizioni, in leader va in tv a dichiarare tutto e il contrario di tutto. Le piroette mediatiche di Matteo Salvini, da giorni si sono moltiplicate. La sua base vuole sentire "basta virus", "si apra tutto", ma la situazione epidemiologica non lo permette. Allora Salvini si contorce come un circense e con tono basso afferma "Vediamo, mi fido del Presidente Draghi, ora che c'è lui sto più tranquillo". Si, come no. Ma Salvini è uomo da talk, al cospetto di veri giornalisti e talentuosi intellettuali sfodera il suo repertorio base: "Ma come si permette?", "Aaah, è sempre colpa di quel cattivone di Salvini se le cose vanno male", per poi chiudere con il solito riepilogo di richieste al Governo,  come se lui non ci fosse. È comico ma purtroppo è così. Ma al netto delle simpatie e delle antipa

Instabilità e leggi elettorali. Tutta colpa del Rosatellum

Immagine
C'è chi sostiene in queste ore che tutti i partiti hanno scelto Draghi perchè incapaci di agire e soprattutto perchè non avevano il coraggio di affrontare una eventuale finestra elettorale nei prossimi mesi. Sarà, ma quel che é certo, è che questa legislatura è quella con più terremoti, una legislatura nata precaria e mai al sicuro a causa di una legge elettorale che ha praticamente fatto si che non ci fosse una maggioranza senza che opposizione e maggioranza si sedessero a un tavolo. È l'instabilità tipica di un'Italia soggetta alla crisi dei partiti. Sono bastati due spregiidicati giocatori come Salvini e Renzi per terremotare ben due governi, e non è detto che la loro furia omicida si sia placata del tutto. L'attuale legge elettorale dovrà essere cambiata, lo richiede la riforma del taglio dei parlamentari,  visto che verranno ridisegnati i collegi e il prossimo Parlamento avrà 345 eletti in meno. Non sappiamo che tipo di legge ci sarà, ma è chiaro che molte forze po

Governo dei migliori? Ma anche no...

Immagine
Sono ore in cui si torna a parlare di lockdown a causa dell'avanzata della temuta variante inglese, un ceppo virale che a quanto pare avrebbe già una incidenza sui nuovi casi pari al 18-20%. Mentre la politica litiga sulla fulminea chiusura delle piste da sci, operata a causa di alcuni dati preoccupanti apparsi su uno studio internazionale, il Quirinale e i partiti scelgono un confinamento in Parlamento. É chiaro che non ci sia una soluzione diversa, che il Capo dello Stato punti a una pacificazione, ma non é affatto scontata. Una pacificazione tra forze può esserci per qualche mese, ma prima o poi emergeranno le differenze e inizieranno le tensioni. Draghi non é certo un uomo abituato alla litigiosa vita parlamentare, é un tecnico prestato alla politica. Il suo compito sarà quello di completare una serie di riforme che l'Europa chiede al nostro Paese da tempo. Saranno riforme che creeranno problemi e tensioni nelle forze che compongono la maggioranza. Ma quale giudizio possiam