Post

La lezione di Floris a Salvini

Immagine
Quello che sembrava un classico martedì noioso, si è invece trasformato in una serata frizzante. Raramente guardo la tv di sera, ma spesso mi capita di seguire il Tg di la7, in cui Mentana spesso cita gli ospiti presenti a "Di martedi", noto talk politico condotto da Giovanni Floris. Tra gli ospiti della puntata di ieri, mancava la Fornero, ma era presente il suo principale nemico: Matteo Salvini, che Scanzi ama definire "il cazzaro verde". Salvini entra in studio dopo Veltroni, Vespa e Da Milano, si siede e inizia ad ascoltare Giovanni Floris, che da grande professionista lo incalza sui numeri, un terreno molto scivoloso per il leader della Lega. Floris gli mostra la differenza tra lo spread attuale e quello di quando Salvini era al Governo, lo incalza sulle mancate promesse (si veda flat tax). Salvini é nervoso, ascolta, prova a sviare per partire con il solito monologo, ma Floris lo interrompe e fa entrare in scena gli intervistatori. Due di loro lo contraddicon…

Le destre e l'antisemitismo minacciano l'Italia e l'Europa

Immagine
La settimana appena trascorsa, è stata una delle settimane più difficili per l'Italia e per gli italiani, provati da una crisi lunghissima e dai continui battibecchi interni alla maggioranza. Ma questa, purtroppo, è stata anche la settimana degli insulti alla Senatrice Liliana Segre, che da qualche ora, gira l'Italia con due carabinieri a farle da scorta. Avete capito bene, una signora come la Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento, oggi deve difendersi dall'odio e dagli insulti che ogni giorno, migliaia di persone le riservano. In un Paese normale, la senatrice sarebbe difesa ed elogiata, nel nostro, invece, è finita nel mirino delle destre. E questo solo perchè ha proposto una commissione parlamentare in grado di occuparsi dell'odio sul web. Sono segnali inquietanti da non sottovalutare, perchè siamo di fronte all'emergere di episodi di intolleranza che fino a qualche anno fa, nessuno di noi poteva prevedere. Bene hanno fatto le forze di maggioranza …

Il piccolo popolo curdo e il grande tradimento americano

Immagine
Nelle ultime ore la Turchia ha iniziato una serie di azioni aeree, ma anche una offensiva militare di terra che sta provocando decine di vittime tra le forze militari curde, ma anche tra i civili. Un bagno di sangue prevedibile, vista la potenza militare che l'esercito turco può mettere in campo. Tutto nasce dal disimpegno americano, una scelta che ritengo indegna di un grande Paese come gli Stati Uniti. Gli americani hanno tradito il popolo curdo, e lo hanno fatto perchè sapevano di poter contare su un'Europa divisa, priva di una posizione unitaria. Da ore, ogni Paese europeo lancia il proprio appello, ma ogni appello, fino a questo momento, é caduto nel vuoto. Ancor più insopportabili appaiono le dichiarazioni di Erdogan, che si è anche permesso di alzare i toni e minacciare l'Europa, promettendo un'invasione di profughi, qualora l'UE lo contrastasse. Uomini, donne e bambini, usati come merce di scambio. Erdoğan sa che l'Europa è terrorizzata dalla sua minacc…

Il suicidio di Salvini fa nascere il Conte 2

Immagine
Il Conte 2 nasce esclusivamente grazie a un errore di strategia di Matteo Salvini. Il leader della Lega, oggi si affanna e urla al mondo che é vittima di una manovra di palazzo, ma in realtà è vittima di se stesso, della brama di potere, di una crisi incomprensibile che lui ha aperto. La crisi, che si è dipanata senza forzare i dettami della Costituzione, ha permesso che nascesse una nuova maggioranza. Pd e M5S restano pur sempre due forze politiche alternative, ma la figura di Conte, oltre ad affascinare il mondo del centrosinistra, ha ricompattato le varie anime del Movimento, fino a ieri in fibrillazione. Di Maio esce dalla contesa dignitosamente, magari "stressato" da qualche post di Grillo, ma comunque fiero di essere il Capo politico di una forza che oggi si appresta a tornare al Governo del Paese. Luigi Di Maio andrà quasi certamente agli esteri, Salvini lascerà il Viminale, anche se nei mesi, nessuno si era accorto della sua presenza. Mattarella, dopo aver atteso i…

Governo Conte, per il momento si va avanti

Immagine
Le elezioni europee hanno decretato la vittoria della Lega di Salvini, che in questo momento è la prima forza politica in Italia. Il discorso di Conte agli italiani, ben coordinato dallo staff di Palazzo Chigi, ha dimostrato che il Premier vuole andare avanti, ma solo se i due contraenti del contratto di governo lo sosterranno. Se il sostegno del Movimento è sicuro, quello della Lega non convince, nonostante Salvini sostenga di voler rispettare i patti. Dal 26 Maggio in poi, Salvini ha sempre premuto sull'acceleratore, mettendo in grossa difficoltà Luigi Di Maio, che oggi appare come un leader più moderato rispetto a Salvini. Il Governo italiano deve evitare dei danni ai conti pubblici, a breve partirà l'interlocuzione con la Commissione Europea, che probabilmente chiederà ancora dei sacrifici agli italiani. Quale reazione avrà la Lega? La tattica di caricare la pistola e di andare in Europa a minacciare i burocrati, serve alla propaganda salviniana, alla "bestia" di…

5 buoni motivi per andare a votare alle elezioni europee

Immagine
Quante volte avete sentito un amico dire "Non vado a votare,  sono tutti uguali"? Io tante volte. Ho sempre pensato che quella persona non aveva ben capito l'importanza dell'esercizio democratico del voto. Ecco 5 motivi validi per recarsi al voto:

1)Ogni volta che ti rechi alle urne, eserciti un diritto. Ricordati che votare è anche un dovere civico, non sottovalutare la forza del voto. Se molti vanno a votare, i pochi non potranno fare i propri interessi

2)Recati a votare per dimostrare che anche la tua scelta può condizionare la politica, perchè ricorda che sei tu che "paghi" gli stipendi agli eletti, dunque puoi anche usare il tuo voto per dare un indirizzo politico.

3)Le elezioni europee spesso non attraggono grandi masse, ma queste elezioni sono molto importanti per il destino dell'Europa, dei tuoi figli, dei tuoi nipoti. Anche il tuo destino potrebbe essere segnato da quel che si vota in Europa. Se vuoi dire basta austerity, recati alle urne e vot…

La lunga volata verso le Europee. La Lega esce ammaccata dal caso Siri

Immagine
La Lega dopo diverse settimane subisce una battuta di arresto, scendendo addirittura sotto la soglia psicologica di quel 30% che tutti i sondaggi avevano fotografato negli ultimi mesi. A pesare, il Caso Siri, che si è concluso con la revoca del Sottosegretario, che Di Maio e company hanno voluto fortemente. Una scelta giusta che ha fatto riprendere fiato, consensi, al Movimento 5 Stelle, che a questo punto prova a rosicchiare consensi nelle ultime due settimane che precedono il voto del 26 Maggio. Di Maio ha iniziato la campagna elettorale che si concluderà giorno 24 Maggio, sta girando l'Italia per spiegare cosa di buono è stato fatto in questo primo anno di Governo. Sarà una corsa a cui partecipa anche una Lega "ammaccata", colpita nelle costole dalla durezza degli attacchi rivolti a Siri. La battaglia dei grillini è stata percepita come positiva, i cittadini hanno apprezzato la volontà di fugare ogni dubbio, quindi, la revoca del Sottosegretario Siri, è una netta vitt…