Dipendenza da gioco, la malattia del nuovo secolo

In questi giorni la Magistratura ha scoperchiato gli interessi delle organizzazioni criminali per le scommesse e il gioco. Secondo i giudici, il gioco, sarebbe uno dei terreni più fertili da cui trarre beneficio e soprattutto guadagno. Oggi in Italia il fenomeno del gioco online, dei centri scommesse, è molto esteso. Secondo i dati forniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha condotto uno studio sul "gambling", nel nostro Paese ci sono oltre 800 mila ludopatici e circa 3 milioni di giocatori sono a rischio. 

Il (GAP), acronimo di gioco di azzardo patologico, è una vera e propria malattia mentale, tanto che è presente nel Manuale dei disturbi mentali. Ma cosa sta facendo lo Stato per limitare l'ascesa di un fenomeno sempre più in crescita? A livello centrale, sono state introdotte nuove norme grazie al Decreto dignità, leggi che vanno a limitare gli spazi pubblicitari nell'editoria. A livello regionale, invece, sono molte le Regioni che hanmo scelto di normare questo settore, che comunque è sottoposto al TULPS, a concessioni statali, su cui spesso i politici locali non possono intervenire. Alcuni Comuni, però, da qualche tempo hanno scelto di schierarsi contro questo sistema dei giochi online, ma anche contro le sale slot e Vlt, intervenendo con delle misure restrittive, che vanno a normare gli esercizi presenti in città.

In molti Comuni i Sindaci possono limitare gli orari di gioco, impedire che i nuovi esercizi siano aperti in zone dove esistono scuole, centri di aggregazione, palestre. Ad esempio, in molti Comuni anti-slot, tali esercizi devono distare "almeno 500 metri dai plessi scolastici". In alcuni casi, si cerca di incentivare gli esercizi che rimuovono le slot, premiandoli con un abbassamento delle imposte. Esiste anche un circuito etico "No slot", a cui hanno aderito molti Sindaci, firmatari anche del protocollo di legalità. La speranza è che anche altri Comuni intervengano per limitare gli orari di apertura al gioco, perché intere generazioni sono a risc
hio ludopatia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Venezuela di Maduro sempre più solo

La Consulta valuta inammissibile il ricorso del Pd

La crisi sui rifiuti è alle porte, la Calabria quasi al collasso