Di Maio: "Abbiamo tutelato i risparmiatori"

Luigi Di Maio, vicepremier e Ministro dello Sviluppo Economico e del lavoro, ha da poco concluso una diretta Facebook in cui ha voluto fare chiarezza sulla vicenda Carige. Il capo politico del Movimento 5 Stelle ha parlato ai cittadini, spiegando il motivo per cui il Governo è intervenuto con un decreto. Ecco di seguito le dichiarazioni rilasciate dal vicepremier nella diretta Facebook:

"Da qualche ora i giornali, o meglio i soliti giornali, attaccano me per il Decreto Carige, un decreto voluto da tutto il Governo. Ci attaccano sostenendo che noi abbiamo fatto le stesse scelte del governo precedente. Non è proprio cosí, perché al momento non vedo per strada gente che protesta e risparmiatori arrabbiati come invece era avvenuto con Banca Etruria. Noi abbiamo tutelato il risparmio e i risparmiatori e non ci stiamo mettendo al momento un solo euro. Interverremo solo se ci sarà la necessità, ma io mi auguro che Carige possa camminare da sola. Se interverremo, lo faremo per tutelare la banca e quindi poi la faremo diventare la banca dei cittadini. Noi vogliamo che i soldi dei cittadini vadano ai cittadini, ai giovani, alle famiglie, alle imprese. Noi non abbiamo amici o parenti da salvare, vi prometto che pubblicheremo i nomi e cognomi dei debitori e sono certo certo che ne vedremo delle belle. Chi oggi fa parallelismi con altre vicende, mente. Voglio anche dirvi che stiamo lavorando per creare un nuovo gruppo parlamentare europeo, un gruppo che lavorerà anche per cambiare le regole bancarie e che introdurrà il concetto di democrazia diretta".

Dichiarazioni che arrivano dopo una giornata calda, che confermano che il M5S vuole fare chiarezza sul sistema di controllo bancario. Nelle ultime ore Di Maio ha anche anticipato che alla Consob, proporrà il nome del Professor Marcello Minenna, che ha fatto parte anche della giunta capitolina guidata da Virginia Raggi.

Commenti

Post popolari in questo blog

#Calciomercato: Jorge Mendes e quella pazza idea per il Milan

Ponte Morandi, partirà a breve la ricostruzione

Il Venezuela di Maduro sempre più solo