Sea Watch e Sea Eye, il governo trova una soluzione: a perdere è ancora l’Europa




di LUCA SABLONE

Risolto finalmente il “caso Sea watch e Sea Eye” che aveva caratterizzato i dibattiti dei recenti giorni: i 49 migranti a bordo delle due navi delle ONG, dopo aver trascorso 19 giorni in mare, sono sbarcati a La Valletta. L’Italia ne accoglierà “poco più di dieci”, senza farsene alcun carico economico: la Chiesa Valdese si occuperà a proprie spese della gestione della situazione. La soluzione è stata trovata tra Conte, Di Maio e Salvini in seguito a ore di frizioni tra le parti in causa. Nonostante il Ministro dell’Interno avesse confermato la propria linea dura (“Non autorizzo sbarchi”), ha così commentato il compromesso raggiunto: “Soddisfatto, il governo è compatto sulla linea rigorosa, porti chiusi, lotta agli scafisti e alle Ong. Ogni nuovo eventuale arrivo dovrà essere a costo zero per i cittadini Italiani”. Sollevazione esplicitata da Eugenio Bernardini -  Moderatore della Tavola valdese - che ha dichiarato: “Ringraziamo chi, finalmente, ha contribuito a chiudere una pagina vergognosa e disumana della politica europea. Siamo felici di dare il nostro contributo e ci occuperemo di queste persone riconoscendo la loro dignità, come abbiamo sempre continuato a fare con tutti, anche con tanti italiani, di cui noi ci occupiamo quotidianamente”.

Migranti, l’Europa perde ancora

A perdere è ancora l’Europa, che si è mostrata inerme difronte a tale situazione: è ormai evidente l’incapacità dell’Ue di gestire in maniera umana queste tipologie di vicende. L’Italia, dal suo canto, ha offerto ospitalità, confermando i valori di generosità, accoglienza e sensibilità che da sempre orgogliosamente la caratterizza. Ma ciò non venga utilizzata come giustificazione per i prossimi arrivi: la linea rigida da mantenere deve essere impiegata come deterrente per tutte le attività lucrative diventate un vero e proprio business sulla pelle dei migranti (e degli italiani). A maggio ci si troverà ad un bivio: cambiare o continuare con questa Europa? Saremo chiamati ad un appuntamento cruciale, che connoterà inevitabilmente le nostre vite in qualsiasi ambito: dall’agricoltura alla sanità, dall’occupazione alla sicurezza, dall’economia alla gestione migratoria.




Commenti

Post popolari in questo blog

Il Venezuela di Maduro sempre più solo

La Consulta valuta inammissibile il ricorso del Pd

La crisi sui rifiuti è alle porte, la Calabria quasi al collasso