Governo Conte, per il momento si va avanti

Le elezioni europee hanno decretato la vittoria della Lega di Salvini, che in questo momento è la prima forza politica in Italia. Il discorso di Conte agli italiani, ben coordinato dallo staff di Palazzo Chigi, ha dimostrato che il Premier vuole andare avanti, ma solo se i due contraenti del contratto di governo lo sosterranno. Se il sostegno del Movimento è sicuro, quello della Lega non convince, nonostante Salvini sostenga di voler rispettare i patti. Dal 26 Maggio in poi, Salvini ha sempre premuto sull'acceleratore, mettendo in grossa difficoltà Luigi Di Maio, che oggi appare come un leader più moderato rispetto a Salvini. Il Governo italiano deve evitare dei danni ai conti pubblici, a breve partirà l'interlocuzione con la Commissione Europea, che probabilmente chiederà ancora dei sacrifici agli italiani. Quale reazione avrà la Lega? La tattica di caricare la pistola e di andare in Europa a minacciare i burocrati, serve alla propaganda salviniana, alla "bestia" di Morisi, insomma al marketing politico. Morisi, pur essendo molto bravo, non ha certo la forza di contrastare uno scenario simile a quello del 2011, con uno spread alto, con il Paese in pericolo. La sensazione è che Conte e Mattarella, assieme a Di Maio, siano consapevoli dei rischi che il Paese potrebbe correre tra qualche mese.

Il Capitano, che invece ha ancora la modalità da campagna elettorale, avrà nella Commissione il suo principale nemico. Se pur dovesse staccare la spina a questo governo, lui dovrebbe comunque tornare a trattare con la Commissione, perchè davanti ai numeri non ci sono selfie che tengano. La sensazione è che il Capo dello Stato abbia chiesto a Conte e Di Maio di mettere in sicurezza i conti, di evitare una speculazione, un attacco dai mercati. La sponda quirinalizia prevede anche qualche altro colpo di scena? Siamo certi che Sergio Mattarella non abbia nascosto un altro colpo da sparare nel momento giusto? Lasciamo a voi le riflessioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Venezuela di Maduro sempre più solo

La Consulta valuta inammissibile il ricorso del Pd

La crisi sui rifiuti è alle porte, la Calabria quasi al collasso