A che gioco sta giocando Renzi?

Secondo molti analisti politici, Renzi e Salvini avrebbero intenzione di far saltare il governo per tornare al voto il prima possibile. Pensiamo che la cosa possa valere per Salvini, un pò meno per Renzi, che al momento ha un partito stimato al 5%. Ma che qualcosa bolla in pentola è evidente. Sono quasi certo che il leader di Italia Viva farà lo sgambetto, ma non so dirvi quando e come. Il dove lo conosciamo, ossia il Senato della Repubblica. L'atteggiamento avuto nelle ultime ore, ci dimostra che Italia viva spesso la pensa come le destre, ragion per cui, è lecito attendersi una crisi nel breve-medio periodo. Andrà così fidatevi, Renzi provocherà l'incidente,per poi provare a dettare i tempi della crisi, un modo per riavere centralità mediatica. Al posto di Di Maio preparerei una legge elettorale proporzionale, con sbarramento al 5%. Sarebbe il modo migliore per affrontare la campagna elettorale, e magari, Renzi si renderebbe conto di non essere più nel Pd, e si risveglierebbe fuori dal Parlamento, oggi ostaggio di un piccolo partito come il suo, peraltro creato in maniera furba dopo la formazione del governo. Proprio per questo, la crisi potrebbe esserci tra marzo e aprile, una data che in molti indicano come buona per il voto, giusto qualche mese in più per permettere agli altri due partners di governo di contarsi e riorganizzarsi, provando a limitare sul nascere l'idea dei renziani, ossia quella di posizionarsi al centro dell'offerta politica, un riposizionamento che accoglierebbe mezza Forza Italia, dunque un ulteriore 4-5%,un'area morerata del 10% da offrire poi a chi ne ha bisogno nella formazione del governo, una strategia precisa che punta all'isolamento del Movimento, elemento di disturbo in un contesto politico parecchio degenerato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Venezuela di Maduro sempre più solo

La Consulta valuta inammissibile il ricorso del Pd

La crisi sui rifiuti è alle porte, la Calabria quasi al collasso