Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2020

I contagi rallentano, ma non è tempo di riaprire

Immagine
Quello che ha affermato Matteo Renzi qualche ora fa, poteva sembrare una vera e propria apertura alla riduzione delle misure di contenimento. Una proposta di riapertura che ha trovato concordi gli scienziati, che hanno sentenziato con un "Non si può fare é troppo presto". Una scelta saggia quella degli scienziati, che hanno messo davanti a tutto la salute. Anche io penso che sia folle e irresponsabile pensare a una riapertura, anzi ritengo che sarebbe opportuno prolungare le misure almeno fino al 3 maggio. Giorno 3 aprile verranno prorogate, arrivando dunque al 18 aprile, ma una ulteriore proroga ci porterebbe al primo maggio. Il giorno dopo si potrebbe immaginare forse una prima ripartenza, ma ancora, vista anche la curva dei contagi, é prematuro fare delle previsioni. Nonostante l'incremento giornaliero sia da qualche giorno in calo, la Lombardia anche oggi ha fatto segnare 1650 casi. Troppi, veramente troppi. Ma quando si potrà riaprire? Il lockdown nostrano si é res…

Il Coronavirus rallenta, ma ora serve un piano straordinario di rilancio economico

Immagine
Nella giornata in cui Conte riferisce alla Camera dei Deputati, arriva una buona notizia: la curva dei contagi descresce, diminuisce il numero delle persone positive al Coronavirus. Ma in questa giornata segnata anche dal ricovero di Guido Bertolaso, e dalla probabile positività del Capo della Protezione Civile Borrelli, c'è anche una brutta notizia, data dai numeri, ossia i 7503 morti. Un prezzo altissimo. Ma analizzando i dati si osserva un rallentamento, quasi 1500 casi in meno rispetto a 4 giorni fa. I dati degli ultimi giorni sembrano leggermente positivi, sembrano dare un minimo di tregua agli ospedali. C'è chi giura che i contagi caleranno molto dalla prossima settimana. E mentre al Nord si intravede un minimo di luce, al Sud c'è chi spera in un contagio di proporzioni molto inferiori. Solo Emiliano e De Luca temono il collasso sanitario, consapevoli che nei giorni scorsi, nelle due settimane precedenti, migliaia di campani e pugliesi sono tornati in Regione. Una bo…

Coronavirus e paura. Ora rimaniamo compatti

Immagine
I casi di Coronavirus in Italia hanno ormai superato le tremila unità, tanto che da 48 ore, il Governo ha approvato un Dpcm che regola alcune attività, mettendo in atto delle misure straordinarie con evidenti limitazioni per buona parte della popolazione. I virus si combattono così. Un comitato tecnico scientifico ha consigliato al Governo, a chi ci guida, di adottare delle specifiche restrizioni per evitare che il contagio si diffonda ancora. Del Covid-19 sappiamo poco, ma allo stesso tempo sappiamo che il ceppo originario europeo è partito dalla Germania. Le Regioni più colpite sono quelle del Nord Italia, con la Lombardia tra le più colpite. Il virus ha fatto vittime, oltre 150, ma anche diversi guariti (circa 420). Il resto delle persone ha contratto il virus senza richiedere il ricovero ospedaliero, un 10% richiede invece assistenza in unità di terapia intensiva. La faccia tirata di Conte, l'intervento di Mattarella, hanno fatto capire agli italiani che la lotta al Coronavi…