Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Cina

Economia di guerra o l'Europa salta

Immagine
Le parole del Pontefice nel giorno di Pasqua scuotono l'Europa e chiedono "solidarietà". Germania e Olanda, oggi sono i principali ostacoli all'Eurobond e alla condivisione di fondi per la ricostruzione socio-economica dell'Europa. Le analisi finanziarie degli ultimi giorni, dimostrano che i paesi nordici oggi non sono più allineati alla Francia. Il famoso asse Franco-tedesco é venuto meno? Certamente no, la Francia ha storici rapporti con i tedeschi, ma in questo momento non può condividere una posizione assurda come quella tedesca. Sebbene la Merkel si mostri dura, in Germania l'opinione pubblica é parecchio divisa. Buona parte dei tedeschi sanno che l'Italia ha bisogno di aiuti economici, buona parte di loro ha fatto investimenti nel nostro Paese negli ultimi 15 anni, ragion per cui chiede con forza a Frau Merkel di prendere in considerazione un fondo speciale privo di condizionalità, in grado di garantire una liquidità maggiore agli Stati dell'Eur…

Via della seta, una grande opportunità per l'Italia

Immagine
La via della seta e gli inutili allarmismi dei media italiani

Torno a scrivere dopo qualche settimana, nel momento in cui l'Italia e la Cina sono vicinissimi a un accordo commerciale che probabilmente porterà enormi benefici al nostro Paese, oggi in piena recessione. La visita di Xi è fondamentale per il nostro Paese, perchè il gigante asiatico, il dragone, vuole sbarcare in Europa e portare tanti miliardi da investire in settori strategici. Miliardi che servono all'Italia e agli italiani, che hanno bisogno di ossigeno e di investimenti di un certo livello. L'ingresso dell'Italia nel grande e prestigioso percorso della via della seta, segna per il nostro Paese un passo storico. Si, perchè l'obiettivo delle imprese italiane è molto chiaro: aumentare le esportazioni in un Paese che consuma molto, e che sa apprezzare i nostri marchi di qualità. È chiaro che la Cina ha la sua strategia: approdare in Europa e gestire per tanti anni le movimentazioni dei porti italiani, …