Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Italia

Macron e il Pd, sempre insieme contro l'Italia

Immagine
Quando ho letto che il Partito Democratico aveva inserito sul profilo Twitter la bandiera francese, non ci volevo credere. Tutti ricorderanno quando Renzi decise di togliere la bandiera europea, oggi invece ci hanno ripensato, tanto che ne espongono ben tre. È chiaro che pur di andare contro Di Maio e il Movimento 5 Stelle (notate che non attaccano mai Salvini?), il Pd sarebbe pronto a far di tutto. Lo ha già dimostrato in passato, quando al Nazareno sdoganò il condannato Berlusconi, uno a cui Di Maio non ha nemmeno concesso una telefonata. Luigi Di Maio è chiaramente il bersaglio, da giorni viene attaccato su tutto, come se fosse un personaggio pericoloso da abbattere e demonizzare al più presto. E in parte, i dirigenti del Pd, fanno bene a temerlo, perché in pochi mesi ha fatto quello che il centrosinistra non è riuscito a fare in nessuna delle legislature.

Il Movimento ha approvato il reddito di cittadinanza, una misura di buonsenso che certamente potrà essere migliorata, ma che …

Basta con la storia dei giovani sul divano!

Immagine
Da qualche settimana il Decreto sul Reddito di cittadinanza mo nopolizza i dibatti televisivi, dove vengono invitati degli opinionisti che a turno esprimono delle critiche nei confronti della misura approvata dal Governo Conte. Una delle affermazioni più usate da questi sedicenti esperti, é la seguente: "Basta sussidi per tenere i giovani incollati sul divano". É un'affermazione molto lapidaria, che cataloga la maggior parte dei giovani in una categoria precisa, ossia quella dei fannulloni, o per ricordare un termine molto caro al defunto Ministro Padoa Schioppa, in quella dei "bamboccioni". Ma è proprio cosí che vanno le cose? In realtà no, ma è evidente che esista un problema molto serio nell'introdurre i giovani nel mondo del lavoro. Va detto, però, che spesso i giovani vengono usati e poi scaricati, che esiste una certa tendenza, tutta italiana, a considerare i giovani un peso, specie i tirocinanti, che dopo aver concluso il percorso formativo che gene…

Battisti e Tav, le news della domenica

Immagine
Battisti catturato in Bolivia
La notizia del giorno è certamente quella dell'arresto di Cesare Battisti, fermato in Bolivia dove si era rifugiato. Battisti, che da anni viveva in Brasile, è stato rintracciato dalla Polizia boliviana che ha eseguito l'arresto. In mattinata tutti gli esponenti politici del Governo Conte hanno espresso grande soddisfazione per l'arresto, un regalo da donare alle famiglie delle vittime, per anni beffate dall'ex terrorista diventato poi poeta e scrittore. La storia di Battisti (LEGGI QUI https://it.m.wikipedia.org/wiki/Cesare_Battisti_(1954) la conoscono tutti: dalla fuga dal carcere di Frosinone, alle vacanze con sorriso beffardo in Brasile. Una buona notizia per gli italiani, in particolare i familiari delle vittime, che attendevano da anni di poter vedere in galera l'ex terrorista. Nei prossimi mesi Battisti verrà estradato e arriverà in Italia, dove dovrà scontare la pena.

Il Tav della discordia
L'altra notizia è quella della m…

#Supercoppa, polemiche per i posti riservati solo agli uomini. Una vergogna da boicottare.

Immagine
Da tempo si parlava della Supercoppa Italiana e del fatto che il 16 Gennaio, Milan e Juventus si sarebbero sfidate a #Gedda, in Arabia Saudita, un Paese che da anni fa affari con l'Italia, ma che da anni è nel mirino della critica per la mancanza di diritti e per alcune leggi che umiliano il genere femminile e i diritti umani. Oggi è scoppiata la polemica, chiaramente in rete. Milioni di italiani, di tifosi, sono insorti, scrivendo a chiare lettere che il match tra Milan e Juventus andrebbe giocato altrove e che il contratto, che tra l'altro prevede tre match da disputare in Arabia nei prossomi cinque anni, andrebbe stracciato. Si, perché questo contratto prevede che la Lega Calcio abbia un introito di 21 milioni di euro, ma che debba far disputare la finale in Arabia Saudita in tre occasioni. Un vero e proprio contratto milionario, che però oggi é stato oscurato da una polemica che ora dopo ora sta montando sui social network. La Lega ha infatti pubblicato sul sito ufficiale …

Conte e il disco verde della Commissione

Immagine
Nella giornata di ieri il premier Conte ha portato a Bruxelles la manovra, accompagnato dal Ministro dell'economia Tria, e supportato a distanza dai due vicepremier che gli avevano affidato una missione: evitare la procedura per debito, cedendo il meno possibile. Conte ha presentato la proposta, la Commissione l'ha giudicata buona e significativa. Questo significa che la Commissione non andrà allo scontro, ma che per trovare 7,4 miliardi, il Governo dovrà riequilibrare la manovra. In serata sono già trapelate delle cifre, secondo cui quota 100 costerà di meno del previsto, dunque si risparmieranno 3,4 miliardi dalla cifra stanziata. Ulteriori 1,6 miliardi arriveranno dalle risorse destinate al reddito di cittadinanza. Gli altri 2,4 miliardi arriveranno da alienazioni, dalla vendita di immobili del patrimonio dello Stato.

L'accordo con l'Europa permetterà ai mercati di prendere ossigeno, lo spread scenderà ancora nei prossimi giorni. I due vicepremier non hanno ancora c…
Immagine
Clima e disastri, un film già visto 
In questi giorni nei vari tg si parla dei danni che il maltempo ha provocato al territorio, ma poco delle cause che hanno reso il clima cosí ostile. Le cause sono molteplici, ma in pochi si sforzano di spiegarlo nei vari programmi televisivi. Perché? Perchè non fa audience e perché si è scelto di mettere la scienza in soffitta puntando su reality show che garantiscono ascolti e che sono meno impegnativi per il pubblico.
Al prossimo disastro sentiremo parlare di nuovo di tragedie e di rischi per l'ambiente, ma poi si chiuderà il sipario e tutto rimarrà come prima. Spetta ai politici trovare le soluzioni, il clima non aspetterà, questo deve essere chiaro a tutti. Iniziamo a ridurre le emissioni di CO2 e cerchiamo di violentare di meno la natura, che offesa e maltrattata, ci ha presentato il conto.